(IN) Netweek

MILANO

Fondazione Don Gnocchi, il tour virtuale al santuario e al museo del beato Un’iniziativa resa possibile con il contributo della Fondazione Cariplo in occasione del 63esimo anniversario della scomparsa di don Carlo

Share

Oggi, da casa o da qualsiasi luogo, puoi visitare “da vicino” il santuario intitolato al beato don Carlo Gnocchi e il museo alla sua memoria direttamente sul tuo computer o sul tuo smartphone.

Il tutto grazie a un’applicazione multimediale che simula un vero e proprio percorso nel cuore del santuario di don Gnocchi, con approfondimenti su singoli oggetti, grazie a schede e contributi fotografici, testuali e audiovisivi. La visita virtuale è possibile anche con i più diffusi visori 3D: un’esperienza davvero affascinante e coinvolgente. Per visitare il santuario e il museo non occorrono particolari strumentazioni o programmi sofisticati: è sufficiente disporre di un accesso alla rete internet e collegarsi all’indirizzo santuarioemuseo.dongnocchi.it o tramite il link al sito www.dongnocchi.it. Qui si possono trovare le istruzioni necessarie e con estrema semplicità ci si può muovere all’interno del santuario che custodisce le spoglie mortali del beato don Gnocchi e del museo dove sono conservati gli oggetti a lui cari: dalla Fiat Topolino alla motocicletta Guzzi, perfettamente conservate; dagli scarponi e dal cappello alpino utilizzati nella campagna di Russia, al frammento di altarino di campo sopravvissuto alla tragica ritirata; dall’agendina personale alla macchina per scrivere, dalle pagelle scolastiche alla patente di guida, dal crocefisso regalatogli dalla mamma alle medaglie guadagnate sul campo, dal calice della Prima Messa al breviario, fino ai testi con gli appunti personali, alle lettere più significative, alle foto più belle a immortalare i capitoli di un’avventura terrena straordinaria... Per rendere ancora più emozionante la visita è possibile ammirare il complesso del santuario e del museo accanto al Centro Irccs “S. Maria Nascente” di Milano dal volo di un drone.

L’anniversario di morte del beato Gnocchi, giovedì 28 febbraio, sarà ricordata con una solenne celebrazione in santuario presieduta, alle 10.30, dal cardinale Severino Poletto, arcivescovo emerito di Torino. Nel pomeriggio, alle 18, uno straordinario omaggio musicale (previa prenotazione e accredito) offerto agli amici della Fondazione dal maestro Salvatore Accardo, violinista di fama mondiale, accompagnato da Laura Gorna e Maria Grazia Bellocchio.

Leggi tutte le notizie su "Belgioioso"
Edizione digitale

Autore:gac

Pubblicato il: 25 Febbraio 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.